Cerca nel blog

martedì 14 giugno 2011

Dieci anni in galera da innocente: intervista all’avvocato Flavio Sinatra

Aveva vent’anni Felice Eros Mirco Turco quando due pentiti lo accusarono di due omicidi di mafia. La sentenza successiva lo condanna al carcere (era il 13 agosto del 1998), ma lui è consapevole di non essere colpevole.

E la sua innocenza emerge grazie alla testimonianza di altri pentiti che lo scagionano rivelando i nomi dei veri assassini. Ma Felice Turco, da innocente, ha trascorso ben dieci anni in galera.L’avvocato Flavio Sinatra, difensore di Turco fin dall’inizio della vicenda.

Avvocato le chiedo: a carico del suo cliente c’erano soltanto le testimonianze dei pentiti senza alcun altro tipo di elemento probatorio?
«Vi era un riconoscimento fotografico eseguito dalla Sig.ra Rosa Caci, moglie del commerciante Sciascio Orazio».

È possibile che un uomo sia costretto a trascorrere dieci anni della propria vita in carcere da innocente?
«Purtroppo è possibile perché molte volte le sentenze si fondano su prove apparenti e per il tramite di giudizi sommari e superficiali».

Quale “destino giudiziario” aspetta i pentiti che hanno accusato ingiustamente il suo cliente ed il giudice che lo ha condannato?
«Credo nessuno!».

Non voglio neppure immaginare cosa sarebbe successo senza le testimonianze dei pentiti che hanno poi scagionato Turco….. 
«Sarebbe rimasto in carcere sicuramente».

Cosa c’è nel futuro di Felice Turco? 
«Dimenticare e recuperare gli anni trascorsi da innocente in carcere».


http://www.giustiziagiusta.info/index.php?option=com_content&task=view&id=2821&Itemid=72

Nessun commento:

Posta un commento