Cerca nel blog

venerdì 4 febbraio 2011

Situazione critica in Valle d'Aosta: deve essere garantita la parita' tra madre e padre

''In Valle d'Aosta l'affido condiviso dei figli non funziona: la legge del 2006 va applicata fino in fondo e dunque garantita la parita' tra madre e padre". Lo ha sostenuto oggi in una conferenza stampa organizzata ad Aosta il presidente dell'Associazione genitori separati per la tutela dei minori Ubaldo Valentini. 
''Procura, Tribunale e servizi sociali sono le cause di questa grave situazione - ha sottolineato Valentini - che in Valle d'Aosta emerge nella drammatica quotidianita' dei molti genitori separati in contatto con la nostra associazione''.

Numerose le richieste di cui Valentini si e' oggi fatto portavoce: sul piano giudiziario l'associazione chiede che la Procura ''senta entrambe le parti in causa, prima di emettere un decreto di allontanamento nei confronti dei padri'' e che il Tribunale ''emetta sentenze di affido condiviso, valutando con attenzione chi dei due genitori sia piu' idoneo alla gestione dei figli''.

All'associazione Genitori separati, inoltre, non piace il servizio di mediazione familiare promosso recentemente dalla Regione autonoma Valle d'Aosta: ''Piuttosto si stabilizzino a tempo pieno - ha aggiunto Valentini - gli assistenti sociali in servizio, dando loro una specifica formazione sulle separazioni''.

L'auspicio dell'associazione e' che ''le istituzioni preposte ritrovino la fiducia delle famiglie in crisi altrimenti i rischi sono seri''.

Per il presidente Valentini, infatti, ''l'adulto puo' arrivare all'autolesionismo mentre i figli in eta' pre-adolescenziale rischiano coinvolgimenti nella microcriminalita'''. ''Come associazione abbiamo stipulato delle tariffe agevolate con avvocati convenzionati ma e' il sistema giudiziario e politico che deve affrontare in modo piu' approfondito i singoli casi - ha proseguito Valentini - ponendo fine al business degli affidi familiari e del patrocinio gratuito''.

Fonte: ANSA

Nessun commento:

Posta un commento