Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 8 gennaio 2013

C'è squadrismo sul web. Femminismo o fascismo?


martedì 3 luglio 2012

Donna uccide un uomo e mette il corpo in una borsa natalizia

LAKE CITY, Fla. -- A north Florida woman is accused of killing a man and stuffing his body into a bag.

Lake City police say they received a 9-1-1 call on Saturday night regarding a shooting. The Gainesville Sun reports that police called the number back and a woman answered, saying "send police."

Lavell Gorge was standing in the yard when officers arrived. She told them "I shot him."

Police say officers found a large amount of blood on the bathroom floor along with what appeared to be a bloody Christmas tree bag. The body of 29-year-old Maurice Mickler was inside the bag. Police say he appeared to have multiple gunshot wounds.

Gorge has been charged with homicide. It was not known whether she has a lawyer.

 http://www.cbs12.com/news/top-stories/stories/vid_1060.shtml

sabato 30 giugno 2012

Fas lancia l'esca ai papa' separati. E "cancella" i vecchi post contro di loro.



ma Fas (acronimo di Femminismo a Sud, un collettivo femminista della provincia di Palermo noto per l'ominimo blog esistente in rete) dimentica di cancellare i link dei post con i quali, ad iniziare da due anni fa, li attaccava frontalmente.
Però i link non portano da nessuna parte perché qui post, tutti contro i papa' separati che da anni lottavano e lottano per i loro figli, sono stati per l'occasione resi privati.  In lina di massima il concetto era cyber stalker = papa' separato

Viva la sorellanza! Viva la "trasformanza"!

SORELLE, TIRATE FUORI TUTTO QUELLO CHE AVETE SCRITTO SUI PADRI SEPARATI.
Vergogna! 


Sono possibilista e credo alla possibilità di riscatto dell'essere umano. Ma questo è troppo anche per chi è istintivamente aperto al dialogo. Se le femministe, d'un tratto, dicono di comprendere le ragioni dell'antifemminismo e si schierano dalla parte dei padri separati, qualcosa non va. E l'odore di bruciato appesta l'aria. Sono simpatiche le combattive sorelle di femminismo a sud, ma questa uscita sa di vigliacca operazione di marketing sociale. Un marketing selvaggio e disonesto.




VECCHIA LINEA ----> http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2010/04/13/i-maschi-sono-tutti-potenziali-pedofili/

                                 http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2010/09/14/la-parabola-discendente-dei-padri-separati/

NUOVA LINEA ---- > http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2012/06/30/quegli-antifemministifascisti-che-fingono-di-occuparsi-di-padri-separati/






I LINK DI CUI ALL'IMMAGINE SOPRA




Leggi anche di altre dinamiche di socializzazione molesta via web:

Identikit di un cyberstalker: certi uomini ritengono che le donne nel web siano tutte puttane!
Cyberstalking: come individuarlo e difendersi!
Identikit di un cyberstalker
Identikit dei cyberstalkers: lo squadrismo!
Identikit dei cyberstalkers: tifoserie e fun-club!
Identikit di un cyberstalker: le faide!
Identikit dei cyberstalkers: la strategia della tensione!
Identikit di un cyberstalker: ti faccio sparire da google!
Identikit dei cyberstalkers: adolescenti!


Quello che scrivete adesso è opportunistico, pretestuoso, falso e per niente convincente. Qella superiorità morale che porta alcuni ad attaccare gruppi di persone storicamente vicini al femminismo (nazi-femministe, lesbiche, gay, trans etc. etc. ), ad esempio, va di pari passo con l'altra superiorità morale che vi porta costantemente a imporre posizioni morali irrispettose delle libertà fondamentali delle persone tra le quali, che piaccia o meno, anche la libertà di credo religioso per la quale sulle vostre pagine non esiste costruttiva critica ma feroce e "fascista" opera di vandalica demolizione.

Alle femministe che danno dei fascisti ai papà separati che difendono i bambini si deve quindi dire: consegnate alla polizia le avvocate che usano calunnie pedo-femministe per privare i bambini dei loro papà ed alienarli. Fino a quando anche un solo bambino ne sarà vittima, per gli uomini separati (tutti!) il femminismo sarà un abuso sull'infanzia. 
Un abuso da combattere così come si combatte la pedofilia.

venerdì 25 novembre 2011

Insegnante lesbica condannata a 15 mesi e radiata a vita dall'incarico scolastico

Avevamo già parlato di Helen Goddard (foto), ai tempi dell’accusa che le era stata mossa contro: l’aver irretito e fatto sesso con una ragazzina, sua studentessa nell’istituto dove insegnava. E ora è arrivato il verdetto del processo, in Gran Bretagna: la donna è stata condannata a 15 mesi di prigione e all’impossibilità di poter insegnare ancora in qualsiasi scuola.

Durante il processo, è risultato che la donna e la sua alunna avevano stretto amicizia dopo la scuola, durante un incontro in un bar della zona. Dopo una simpatia e un feeling iniziale, tra la quindicenne e la giovane insegnante di 26 anni è nata una relazione sessuale che ha portato ad una segnalazione anonima per informare l’istituto di ciò che stava accadendo.

La ragazzina ha anche confermato e testimoniato di essere stata lei ad irretire e sedurre la professoressa e che il rapporto era assolutamente consenziente e quindi non si è trattato di violenza. Parole e rassicurazione che comunque non hanno convinto e hanno portato alla condanna dell’insegnante, che, di fronte alla sentenza è scoppiata in lacrime, ammettendo di essere colpevole di tutti e sei i capi d’accusa.

 http://www.queerblog.it/post/6122/insegnante-condannata-a-15-mesi-e-radiata-a-vita-dallincarico-scolastico

domenica 13 novembre 2011

Uomo trovato morto accoltellato. Si interroga la compagna

Il corpo senza vita di un uomo è stato scoperto tra le mura di casa sua, a Roma in via Francesco Tovaglieri in zona Casilina.

Sul suo cadavere era riportate ferite di arma da taglio alla schiena.

In casa, con l'uomo,  un operaio di 58 anni, c'era la compagna, di 34 anni, con la quale la vittima aveva avuto in passato delle liti domestiche.

A dare l'allarme sono stati i vicini di casa della coppia e la stessa convivente.

Inutili però i soccorsi.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia Casilina e del Nucleo investigativo di via Inselci che stanno interrogando la donna.

giovedì 10 novembre 2011

PINGUINI GAY SEPARATI: "SPECIE A RISCHIO"

Due pinguini sono stati separati perché non attratti dalle femmine, in nome della "salvezza della specie". 

E’ la strana storia riportata dal National Post di Toronto, Canada. I due pinguini africani maschi Pedro e Buddy, che il quotidiano etichetta come gay, sono stati separati perchè non dedicavano attenzione ai pinguini femmina, rischiando così di far passare la stagione degli amori senza accoppiarsi.

I due animali erano stati trasferiti allo zoo di Toronto dal Pittsburgh National Aviary, proprio al fine di consentire i loro accoppiamenti. Ma i due hanno preferito la reciproca compagnia a quella degli esemlari femmina dello zoo.

Fin dal loro arrivo, i due maschi avevano cominciato a comportarsi come una coppia, destando curiosità e portando i responsabili alla decisione, discussa, di separarli. Tom Mason, uno dei responsabili dello zoo ha dichiarato: “Le due femmine li hanno seguiti, dobbiamo semplicemente far in modo che i due maschi mostrino interesse nei loro confronti.Se Pedro e Buddy non fossero geneticamente così importanti allora li lasceremmo fare”. 


"DROGAVA E STUPRAVA 11 ALUNNI": PROFESSORESSA PEDOFILA IN MANETTE

Ha fatto sesso con 11 dei suoi studenti dopo averli storditi appositamente con sostanze alcoliche. 

Cindy Clifton, insegnante statunitense di 60 anni, adesso è veramente nei guai.


La donna rischia fino a 60 anni di carcere.


Le vittime dell'abuso sono tutti ragazzini fra i 14 e i 17 anni, dettaglio che aggrava la posizione dell'educatrice di Covington, Tennessee (Usa). 

Il suo avvocato l'ha descritta come una "moglie devota, laboriosa insegnante e membro fedele della sua chiesa".


Descrizione che non combacia per nulla con le tesi dell'accusa, che la ritiene respondabile di numerosi abusi su minorenni.